[http://www.lmsoft.com/fr/webcreatorpro.html] [http://www.lmsoft.com/fr/webcreatorpro.html] [http://www.lmsoft.com/fr/webcreatorpro.html] [Home]
[Bijouxamericani - Museo di Providence]
[]
[Bijouxamericani - Mercati New York]
[Bijouxamericani - Mercati Italiani]
[Bijouxamericani - Calendario]
[]
[Bijouxamericani - Storia]
[Bijouxamericani - Newsletter]
[Bijouxamericani - Treasure]
[Bijouxamericani - Recensioni]
[Bijouxamericani - Miriam Haskell scheda]
[Bijouxamericani - Kenneth J Lane scheda]
[Bijouxamericani - Pell Scheda]
[Bijouxamericani - La storia del Vintage]
[Collezioni Vintage]
[Bijouxamericani - soci vintage]
[Bijouxamericani - Collezionisti Italiani]
[Bijouxamericani - Amici di spilla]
[Bijouxamericani - Presidente - Maria Teresa Cannizzaro]
[Bijouxamericani - Link]
[Bijouxamericani - Kenneth Jay Lane spille]
[Bijouxamericani - Kenneth Jay Lane Collane e set]
[Bijouxamericani - Kenneth Jay Lane bracciali]
[Bijouxamericani - Kenneth Jay Lane Anelli]

Kenneth Jay Lane

Passato e Futuro

Sezione Italiana Vintage Fashion & Costume Jewelry

La fervida immaginazione e le eccezionali capacità inventive assicurano a Kenneth Jay Lane un posto nella storia della bigiotteria e, perché no? nel cuore dei  collezionisti.

Kenneth sostiene che l’eleganza ed il buon gusto non vanno mai fuori moda, perciò i suoi pezzi da 40 anni attirano l’attenzione di donne come la Duchessa di Windsor e Jackie Kennedy, di

attrici assai note come Audrey Hepburn e Li zTaylor, ma anche di  tutte coloro che, indossando

un suo bijoux, si possono sentire belle come Cenerentola che si reca al ballo col Principe.



Soprattutto le sue creazione d’epoca hanno oggi raggiunto alle aste di Christie’s e Sotrheby’s quotazioni simili a quelle dei gioielli veri .


                                                                        “Quando ebbi per la prima volta l’idea di dedicarmi

                                                                        alla costume jewelry non ero sicuro che sarebbe                                                                         stata la strada della mia vita. Ed invece fui

                                                                        fortunato, fin dall’inizi , infatti , pressoché

                                                                        immediatamente , le mie cose furono indossate da

                                                                        alcune delle donne più belle ed eleganti del mondo e

                                                                        voilà io ero un creatore di bijoux! Non mi è

                                                                        mai capitato di annoiarmi all'idea di andare

                                                                        al mio studio, anzi adoro fare quel che faccio ed

                                                                        ogni volta sento un’enorme carica d’energia quando

                                                                        un modello su cui magari lavoravo da un anno arriva

                                                                        alla perfezione desiderata Non riesco neppure ad

                                                                        immaginare che avrei potuto diventare dentista o

                                                                        ragioniere. La soddisfazione che mi da il creare cose

                                                                        e vederle indossate e’ la più grande delle

                                                                        gratificazioni che ho avuto nella mia vita . Poiché , se

                                                                        non le metti sulla carta , molte idee interessanti

                                                                        scompaiono ho pensato che in qualche modo potesse essere utile che rimanesse una traccia  del mio lavoro Tuttavia e’ stato veramente difficile fare una selezione tra le migliaia e migliaia di cose differenti che ho realizzato da quando ho iniziato nel 1962 e forse questo sarà solo il primo volume di un’enciclopedia , poiché non ho certo deciso di smettere di creare e lavorare . Credo proprio che nel prossimo futuro farò ancora nascere svariate centinaia di orecchini , spille , bracciali e cose varie!”.

(dalla Introduzione di Faking it di Kenneth Jay Lane , Autunno 1995)


Sorridendo, quando gli si chiede come faccia a cogliere così bene le sfumature della complessa psicologia femminile ed ad accontentarne i gusti,  risponde che, mentre gli altri  bigiottieri, tutti presi dalla voglia di arrivare al successo e di far danaro, trascurano la vita mondana e di donne magari conoscono solo la propria moglie, lui invece coltiva  accuratamente le  sue molte amicizie femminili e questo sicuramente  spiega la sua capacità di fare di ogni collezione un successo.

In più, quello che veramente gli piace e’ creare gioielli fatti per durare, che possano essere indossati per tutto l’anno, non in un solo periodo, per una  sola stagione, il glamour non ha stagioni.

Se gli si chiede che cosa suggerirebbe alle donne italiane, di cui dice di apprezzare molto la naturale eleganza  e lo stile, risponde che dovrebbero avere un pizzico di coraggio  in più, seguendo la moda un po’ meno alla lettera ed  aggiungendo un tocco di fantasia  al loro abbigliamento classico. Magari indossando un bel paio di allegri orecchini disegnati da lui, che, oltre tutto, hanno il pregio di distrarre l’attenzione dai piccoli difetti del viso.